differenza tra telelavoro e smart working
Economia

Qual è la differenza tra telelavoro e smart working

Qual è la differenza tra telelavoro e smart working? Quali sono le caratteristiche di queste due forme contrattuali? Scopriamolo insieme. 

Hai mai sentito parlare di telelavoro? E di smart working? Probabilmente si, magari per esperienza diretta o per interesse verso la materia.

Spesso, però, quando si parla di smart working si tende a fare confusione, assimilandolo al più noto telelavoro.

 

Beh, non sono la stessa cosa, nonostante alcuni punti in comune.

Quindi, qual è la differenza tra telelavoro e smart working? In cosa differiscono queste due forme contrattuali?

Scopriamolo insieme.

Cos’è il telelavoro

Il telelavoro è una forma contrattuale, e prevede che il dipendente svolga le proprie mansioni al di fuori dei locali aziendali, ma operando da una postazione fissa – ad esempio un ufficio in casa – ben definita e in orari precisi.

Cosa vuol dire?

Semplicemente, un lavoratore assunto in modalità telelavoro, deve svolgere le proprie mansioni professionali accedendo ad una postazione informatica, ovviamente connessa ad internet, collocata all’interno di uno spazio preciso, indicato in fase contrattuale.

Leggi anche:  Qual è la differenza tra capo e leader

Quindi, se il dipendente lavora da casa, dovrà indicare il proprio indirizzo di residenza come sede dell’ufficio, e dovrà essere attivo negli orari stabiliti dal datore di lavoro.

È consentito anche operare in mobilità, a determinate condizioni.

Cos’è lo smart working

Lo smart working, invece, non presuppone la necessità di una postazione fissa, introducendo così il concetto di lavoro da remoto in mobilità.

Per certi versi, quindi, lo smart working è una evoluzione del telelavoro, resa possibile dall’evoluzione tecnologica in atto da qualche anno.

Quindi, il dipendente operante in modalità smart working, può lavorare dove ritiene più opportuno, anche in mobilità, purché rispetti scadenze, consegne e impegni presi.

Quindi, qual è la differenza tra telelavoro e smart working?

Come hai potuto leggere, telelavoro e smart working non sono la stessa cosa, ma è evidente che abbiano dei punti di contatto, per certi versi delle similitudini.

Volendo semplificare, potremmo dire che la differenza tra telelavoro e smart working è la seguente:

  • Il telelavoro prevede una sede fisica fissa (abitazione, sede distaccata, coworking, ecc..) e orari precisi;
  • Lo smart working, invece, offre maggiore libertà, dando maggiore importanza al risultato finale rispetto al numero di ore lavorate ogni giorno.
Leggi anche:  Qual è la differenza tra domicilio e residenza

Bene, adesso sai qual è la differenza tra telelavoro e smart working.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *