Qual è la differenza tra TAC e Risonanza Magnetica
Salute

Qual è la differenza tra TAC e Risonanza Magnetica

Le tecniche di diagnostica per immagini sono utilizzate in campo medico per studiare alterazioni nella struttura anatomica dei tessuti. Le più note ed utilizzate, di ultima generazione, sono sicuramente Tac e Risonanza Magnetica.

Andiamo ad analizzare meglio qual è la differenza tra TAC e Risonanza Magnetica: vediamo in cosa consistono e quali sono i loro campi di applicazione.

Per meglio comprendere le differenze tra i due termini, forse è il caso di partire proprio dalle definizioni.

Vediamole insieme.

Cos’è la Risonanza magnetica?

La Risonanza Magnetica viene eseguita grazie ad un macchinario costruito con una tecnologia che sfrutta il campo magnetico ed offre una diagnostica per immagini.

Esistono due tipi di risonanza: chiusa o aperta.

I campi di applicazione della Risonanza sono:

  • Neurologico;
  • Neurochirurgico;
  • Traumatologico;
  • Oncologico;
  • Ortopedico;
  • Cardiologico;
  • Gastroenterologico.

È un esame innocuo per l’organismo, grazie all’assenza di radiazioni. Questo fa sì che possano essere effettuati più controlli anche nel giro di breve tempo.

Bisogna fare attenzione all’esposizione del campo magnetico per le persone che hanno apparecchi come pace-maker o protesi metalliche.

Tutto questo è in forma preventiva, perché grazie ai progressi della tecnologia ormai da diverso tempo la maggior parte dei metalli usati in campo medico sono compatibili con questo tipo d’esame.

Con la Risonanza Magnetica si acquisiscono in maniera diretta le immagini in 3 dimensioni e questa ricostruzione tridimensionale delle immagini avviene grazie dal  legame biochimico formato dalle molecole.

Grazie a questa tecnologia è possibile rappresentare diverse strutture all’interno della stessa immagine, azione non disponibile con l’esame della TAC (Tomografia Assiale Computerizzata).

Cos’è la TAC?

La TAC, al contrario della Risonanza Magnetica, è un esame che sfrutta le radiazioni dei Raggi X.

Anche la TAC viene impiegata soprattutto per esami di tipo cerebrale ed è in grado di raffigurare il corpo umano in sezioni tramite piani assiali, cioè immagini che rappresentano tagli trasversali dalla testa ai piedi.

Anche per la TAC il campo d’applicazione è molto vasto:

  • Neurologico;
  • Scheletrico;
  • Toracico;
  • Addominale;
  • Oncologico;
  • Ginecologico;
  • Vascolare;
  • Cardiaco;
  • Traumatologico

Spesso questi due esami per avere un risultato molto più attendibile vengono prescritti insieme in modo che forniscano informazioni complementari.

Quindi, qual è la differenza tra Tac e Risonanza Magnetica?

Adesso è chiara la differenza tra Tac e Risonanza Magnetica? Volendo semplificare, potremmo dire che:

La TAC però non può venir considerato come esame di routine, perché a causa delle massicce dosi di radiazioni emesse durante l’esame può causare problemi, soprattutto a donne in età fertile e a bambini. Per questo la Risonanza Magnetica è l’esame più indicato per effettuare un check up.

Tutto chiaro?

Qual è la differenza è un progetto editoriale, mosso da un unico obiettivo: rispondere alle domande che gli utenti si pongono più spesso sui motori di ricerca e nella vita reale. Contenuti utili, semplici, al cui interno cerchiamo di fugare i tuoi dubbi.

Leggi anche:  Qual è la differenza tra dietista e nutrizionista

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *