differenza tra sosta e fermata
Cultura

Qual è la differenza tra sosta e fermata

Da adolescenti si sogna il giorno in cui, finalmente maggiorenni, ci si può iscrivere alla scuola guida per prendere la tanto agognata patente. Quello che nessuno ci dice, però, è quante informazioni bisogna acquisire per riuscire a superare la prova scritta e, successivamente, quella pratica.

In effetti, quando si guida un’auto è necessario fare attenzione ai segnali stradali, rispettando tutti i precetti di educazione stradale studiati proprio alla scuola guida.

Ad esempio, è importante tenere sempre bene a mente la differenza tra sosta e fermata, perché potrebbe evitarti una brutta multa.

Vediamo insieme qual è la differenza tra sosta e fermata, partendo proprio dalla definizione di entrambe.

Cos’è la sosta

La definizione di sosta è riportata all’interno del Codice della Strada, precisamente nel Titolo V, recante le norme di comportamento, all’articolo n.157.

Ecco la definizione di sosta:

per sosta si intende la sospensione della marcia del veicolo protratta nel tempo, con possibilità di allontanamento da parte del conducente. 

Quindi, si parla di sosta quando ci si ferma con l’auto per un tempo prolungato, restando nell’abitacolo e/o allontanandosi dallo stesso.

Leggi anche:  Qual è la differenza tra sommelier e assaggiatore di vini

Cos’è la fermata

L’articolo n.157 del Codice della Strada riporta anche la definizione di fermata, che indichiamo di seguito:

per fermata si intende la temporanea sospensione della marcia anche se in area ove non sia ammessa la sosta, per consentire la salita o la discesa delle persone, ovvero per altre esigenze di brevissima durata. Durante la fermata, che non deve comunque arrecare intralcio alla circolazione, il conducente deve essere presente e pronto a riprendere la marcia. 

Si parla di fermata quando si interrompe la marcia per un lasso di tempo molto breve, ad esempio per far salire o scendere un passeggero, con il conducente sempre presente nell’abitacolo.

La fermata è permessa anche nelle aree in cui è vietata la sosta, proprio per la sua natura temporanea.

Bisogna fare attenzione ai segnali di divieto di sosta e fermata, onde evitare di incappare in una contravvenzione.

Quindi, qual è la differenza tra sosta e fermata?

Come probabilmente hai intuito, la differenza tra sosta e fermata consiste nella durata nel tempo dell’interruzione della marcia.

Leggi anche:  Qual è la differenza tra fiaba e favola

Infatti, quando quest’ultima è molto breve, si parla di fermata.

Quando, invece, ci si ferma per un lasso di tempo prolungato, ed eventualmente ci si allontana dalla vettura, si parla di sosta.

Non dimenticarlo.

Qual è la differenza è un progetto editoriale, mosso da un unico obiettivo: rispondere alle domande che gli utenti si pongono più spesso sui motori di ricerca e nella vita reale. Contenuti utili, semplici, al cui interno cerchiamo di fugare i tuoi dubbi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *