differenza tra pollo e gallo
Scienza

Qual è la differenza tra pollo e gallo

Vi siete mai chiesti qual è la differenza tra pollo e gallo? Io si!

Una notte d’estate di qualche tempo fa ero seduto al bar con i miei amici e, tra i tanti quesiti, dopo il classico “è nato prima l’uovo o la gallina?”,  è sorta spontanea quest’altra domanda.

Improvvisamente, è calato il silenzio.

Tutti che farfugliavano qualcosa, tante risposte che venivano controbattute con un “e perché?”. 

Secondo varie ricerche effettuate quella notte, una differenza c’è.

Scopriamola insieme.

Cos’è il pollo?

In latino “pollus” significa “animale giovane”, infatti il pollo ha un’età compresa tra i 41 giorni di vita fino al raggiungimento dell’età riproduttiva, ma ancora non ha raggiunto la maturità sessuale.

Il pollo, quindi, è il gallo ancora giovane. Di solito non supera 1,5 kg di peso.

Il pollo è un razzolatore onnivoro, anche se predilige il grano, per il suo becco curvo e robusto. 

I polli possono essere allevati:

  • in batteria, cioè in gabbie piccole dove l’animale ha difficoltà di muoversi. Questa pratica in Italia non è usata;
  • a terra, cioè in recinti quindi con possibilità di muoversi;
  • sistema misto: il primo mese in batteria e successivamente a terra.

Che cos’è il gallo?

Si può chiamare gallo a partire dai 10 mesi di età, in cui la sua maturità sessuale raggiunge la sua massima espressione.

Il gallo, quindi, è il maschio riproduttore adulto.

Il gallo ha ali non troppo lunghe ma robuste, ha una cresta che lo contraddistingue dal resto del pollaio, ed è considerato il re della sua specie.

Questo animale, grazie al suo aspetto maestoso, esalta la sua forza per primeggiare sugli altri galli nella capacità di “sedurre” le galline.

L’indole del gallo è bellicosa e virile, che viva in libertà, in pollaio o addomesticato dall’uomo.

Quindi, qual è la differenza tra pollo e gallo?

Quindi, la differenza tra pollo e gallo si basa su due aspetti dell’animale: l’età e il sesso.

Ecco tutte le denominazioni corrette per indicare gli avicoli.

  • pulcino:  può essere maschio o femmina, da 0 a 7 giorni circa;
  • pulciotto: può essere maschio o femmina, da 0 a 40 giorni circa;
  • pollo o pollastro: maschio, da 41 giorni circa fino all’età’ riproduttiva;
  • pollastra: femmina, da 41 giorni circa fino all’età riproduttiva;
  • gallina: femmina, a partire dall’inizio maturità sessuale;
  • chioccia: femmina, a partire dell’età riproduttiva;
  • pollanca: femmina sterilizzata, a partire dal periodo precedente l’inizio della deposizione delle uova;
  • galletto: maschio, a partire dall’età riproduttiva fino a circa 6 mesi;
  • gallo ruspante: maschio, a partire dai 6 mesi fino a circa 10 mesi;
  • gallo: maschio, a partire da circa 10 mesi, maturità sessuale al massimo;
  • cappone: maschio castrato, dai 2 mesi in poi.

Tutto chiaro?

Qual è la differenza è un progetto editoriale, mosso da un unico obiettivo: rispondere alle domande che gli utenti si pongono più spesso sui motori di ricerca e nella vita reale. Contenuti utili, semplici, al cui interno cerchiamo di fugare i tuoi dubbi.

Leggi anche:  Qual è la differenza tra ape e vespa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *