differenza tra fiaba e favola
Cultura

Qual è la differenza tra fiaba e favola

La fiaba e la favola, pur essendo sinonimi, sono due generi narrativi per bambini abbastanza differenti tra loro. Entrambe hanno origini molto antiche, e si sono diffuse nel corso del tempo in tutto il Mondo.

La differenza sostanziale tra fiaba e favola consiste, oltre alle ambientazioni e ai personaggi che ne fanno parte, nella struttura e nel contenuto.

Se all’ interno della fiaba si narrano vicende di esseri umani, spesso rappresentati come eroi o eroine che combattono contro personaggi che traggono spunto dalla fantasia o si affiancano ad essi (orchi, mostri, draghi, spiriti maligni; re e regine, principi e principesse, fate, elfi, gnomi); nella favola i personaggi spesso assumono sembianze umane (antropomorfi) e incarnano caratteristiche sia positive che negative, i vizi e le virtù degli uomini.

In questo tipo di narrazione gli animali parlano liberamente tra loro o con gli esseri umani e forniscono insegnamenti ed per educano il lettore attraverso i loro comportamenti.

Molto spesso la morale della favola è esposta in maniera abbastanza esplicita nel susseguirsi delle azioni quotidiane, in ambienti reali quindi ha un aspetto contemporaneo rispetto alla fiaba, completamente fuori dalla realtà.

Che cos’è la Fiaba?

La fiaba è un racconto di fantasia composto da vari episodi, di origine popolare (un tempo veniva tramandata solo a voce dalle donne del paese, dai nonni o dai cantastorie) ed

è abbastanza articolata.

Proprio perché raccontate a voce, le fiabe hanno delle parole fisse, ripetute nel tempo. I luoghi e i tempi della narrazione, così come nella favola sono indefiniti.

La fiaba, non include necessariamente un insegnamento morale, in alcuni casi è sottinteso ma contiene sempre la distinzione tra il bene e il male e i racconti terminano quasi sempre in modo positivo.

Essa è più articolata e curata nei dettagli; non presenta al suo interno luoghi ed entità magici.

Il suo scopo è quello di illustrare l’eterna lotta tra il bene e il male, tra il debole e il potente, tra il ricco e il povero, tra la giustizia e l’ingiustizia e fare in modo che il lettore, attraverso racconti fantastici, ne tragga degli spunti di riflessione sulla vita reale.

Che cos’è la favola?

La favola (o fabula) è un racconto più breve e semplice, dal ritmo di narrazione più vivace: può essere scritta sotto forma di versi o in prosa.

In essa si raccontano storie quotidiane in un contesto reale e non ispirato a mondi fantastici.

Leggi anche:  Qual è la differenza tra sosta e fermata

Il contenuto e significato etico della favola, cambia in base al periodo storico e alla cultura che rappresenta.

Elenchiamo le differenze di struttura tra la fiaba e la favola:

La fiaba è:

  • più lunga e più complessa
  • scritta sempre in prosa
  • presenta elementi costanti che seguono uno schema fisso
  • Il narratore è quasi sempre esterno
  • Le vicende si svolgono in uno spazio-temporale non definito
  • I personaggi sono fantastici e prendono spunto dal mondo immaginario
  • I luoghi descritti sono misteriosi e frutto della fantasia
  • Il linguaggio è informale
  • c’è sempre un lieto fine
  • Il tempo imperfetto e il passato remoto sono utilizzati maggiormente
  • La morale e l’insegnamento non sono espliciti e non sono sempre presenti
  • Esistono incantesimi e magia nei luoghi e nei personaggi
  • L’obiettivo è di divertire, far sognare e fantasticare il lettore

 La favola è:

  • più semplice, più breve
  • è scritta sia in prosa che in versi
  • i personaggi sono spesso animali con sembianze umane che incarnano caratteristiche positive e negative dell’uomo
  • Il finale spesso è triste
  • la morale e l’insegnamento dei valori sono espliciti
  • Il linguaggio è più formale
  • I luoghi non sono fantastici ma rispecchiano luoghi reali e le vicende rispecchiano il quotidiano
  • Non esistono rituali, incantesimi, magie e sortilegi
  • L’obiettivo è educare il lettore e insegnargli principi sani

Quindi, qual è la differenza tra fiaba e favola?

Nella favola la differenza si manifesta soprattutto nel contenuto e nel finale imprescindibile da un insegnamento e un fine all’ educazione di certi valori rispetto alla fiaba dai contenuti surreali e fantastici, in cui il fine educativo non è necessario ed esplicito.

Per ricordarci la differenza tra fiaba e favola, teniamo a mente queste parole: C’è sempre una morale della favola!

Qual è la differenza è un progetto editoriale, mosso da un unico obiettivo: rispondere alle domande che gli utenti si pongono più spesso sui motori di ricerca e nella vita reale. Contenuti utili, semplici, al cui interno cerchiamo di fugare i tuoi dubbi.

Leggi anche:  Qual è la differenza tra sosta e fermata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *