Qual la differenza tra carta di credito e carta di debito
Economia

Qual è la differenza tra carta di credito e carta di debito

Il pagamento con carta di credito o carta di debito è ormai un gesto ampiamente diffuso in tutto il mondo. Ma qual è la differenza tra carta di credito e carta di debito? Scopriamola insieme.

Acquistare un bene o servizio, in un negozio fisico oppure online, pagando con una carta di credito o di debito è un gesto ormai consolidato un po’ in tutto il mondo.

Nel nostro portafoglio abbiamo diverse tessere adibite al pagamento elettronico, dalla semplice carta di debito (o bancomat) fornito dalla banca quando si apre un conto corrente alle più sofisticate carte di credito, fino ad arrivare alle più recenti (e molto diffuse) carte prepagate.

Rientrano tutte nella più ampia categoria delle carte di pagamento, ma qual è la differenza tra una carta di credito e una carta di debito? 

Te lo spieghiamo subito.

Cos’è un carta di credito

La carta di credito – così come anche la carta di debito – è una tessera plastificata, dotata di un microchip e/o di una banda magnetica, emessa da intermediari autorizzati.

Con la carta di credito è possibile prelevare contante da sportelli automatici (ATM) e pagare presso gli esercenti, digitando un PIN o apponendo la propria firma sulla ricevuta di pagamento.

Come si può leggere sul sito della Banca d’Italia, la carta di credito

“consente acquisti presso gli esercenti convenzionati e prelievi di contante presso gli sportelli automatici; quest’ultima operazione configura un anticipo di contante e prevede il pagamento di un interesse. Gli importi spesi sono pagati dal titolare della carta in un momento successivo all’utilizzo, generalmente con cadenza mensile (o più ampia), in un’unica soluzione o a rate; normalmente vengono addebitati su un conto corrente, ma è possibile anche un pagamento diretto. Se previsto, inoltre, le carte possono essere utilizzate per effettuare pagamenti di tipo ripetitivo (addebiti diretti)”. 

Come puoi leggere, la carta di credito si caratterizza con l’addebito della somma pagata in un secondo momento, consentendoti di saldare domani una spesa effettuata oggi, restituendo alla società finanziaria l’anticipo l’importo a cui vengono aggiunti degli interessi, anche a rate.

Leggi anche:  Qual è la differenza tra telelavoro e smart working

Un esempio di carta di credito molto famosa è l’American Express. 

Cos’è la carta di debito

Con il termine carta di credito si indica quello che comunemente (e impropriamente) chiamiamo bancomat.

In effetti, avrebbe senso chiamarla bancomat se consentisse l’utilizzo solo negli ATM, ma non è così. Infatti, con il bancomat si può pagare anche nei negozi fisici tramite il POS.

Ecco perché sarebbe più corretto chiamarla carta di debito.

Attenendoci anche in questo caso alla definizione fornita dalla Banca d’Italia, la carta di debito 

“è rilasciata da una banca o altro intermediario finanziario presso il quale si ha un conto. Consente acquisti presso gli esercenti convenzionati e prelievi di contante da sportelli automatici; sono previsti limiti di importo mensili per gli acquisti, nonché limiti mensili e giornalieri per i prelievi di contante. A differenza della carta di credito, le operazioni vengono addebitate di volta in volta sul conto del debitore; l’esecuzione dell’operazione presuppone la presenza dei fondi. Presso gli ATM si possono anche pagare bollette, effettuare ricariche telefoniche o accedere ad altri servizi”

Quindi, con la carta di debito si possono effettuare transazioni elettroniche, attingendo la somma dal proprio conto corrente a cui la stessa è collegata.

Leggi anche:  Qual è la differenza tra domicilio e residenza

Quindi, qual è la differenza tra carta di credito e carta di debito? 

Come probabilmente avrai capito, la differenza tra carta di credito e carta di debito consiste nella natura stessa della tessera e nel suo utilizzo.

Infatti:

  • la carta di credito non è necessariamente collegata al proprio conto corrente, consente di effettuare delle transazioni richiedendo un anticipo alla società finanziaria, una sorta di prestito istantaneo che può essere estinto in una o più soluzioni. Insomma, compri oggi qualcosa e saldi domani;
  • la carta di debito è direttamente collegata al conto corrente e alla propria disponibilità economica, con alcuni limiti giornalieri e mensili fissati dall’istituto di credito. L’addebito è immediato (o quasi), e non è possibile effettuare una transazione in assenza di copertura sul conto corrente.

Speriamo, con questo articolo, di averti chiarito la differenza tra carta di credito e carta di debito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *